Oasi Palude La Vela

Oasi della Palude La Vela

La Palude La Vela è una piccola area naturale protetta di circa 7 ha. Si tratta di una zona umida e salsa con canneto e vegetazione igrofila e alofita (con salicornia e salsola), importante punto di passo dell’avifauna migratoria. In alcuni periodi dell’anno, oltre ad alcune specie nidificanti e svernanti, si possono osservare i fenicotteri, gli aironi, i cavalieri d’Italia e i cormorani, le spatole e le garzette. L’area è circondata dalla bella pineta di Fucarino, costituita da pini d’Aleppo con sottobosco mediterraneo caratterizzato da lentisco e fillirea, ed è attraversata, oltre la pineta, dal canale d’Aiedda.

In prossimità delle acque salse della palude, il WWF ha attrezzato un capanno di avvistamento per il birdwatching. La pineta di Fucarino , artificiale, è costituita prevalentemente da pini d’Aleppo; i volontari del WWF stanno lavorando con grande impegno per rinnovarla piantumando nuovi alberi e per ripristinare il territorio ed il sottobosco, distrutti dalla colpevole, protratta incuria e dalla frequentazione irresponsabile da parte di gitanti e di cacciatori incivili. L’azione del WWF ha permesso la conoscenza e la valorizzazione della palude, ambiente di grande interesse naturalistico, poiché costituisce un habitat umido congeniale all’avifauna acquatica. E’oggi unico nell’Italia meridionale, poiché gli uccelli solitamente di passo, come gli aironi cinerini, le garzette, i cavalieri d’Italia i cormorani, i fenicotteri, le cicogne ” spatole”, sono qui stanziali. La loro presenza testimonia la validità dell’iniziativa e la necessità di perseverare nel progetto. Nei pressi dell’Oasi, il canale d’Aiedda, nel quale confluiscono le acque del canale Levrano-D’Aquino e dell’ormai scomparsa sorgente Riso. Nelle immediate vicinanze, in prossimità della linea di costa , vi sono le strutture e le vasche per l’acquacultura.

Associazione Turistica

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: